Palazzo Senatorio a Roma – visita guidata gratuita

Ogni prima domenica del mese, a Roma, è possibile visitare Palazzo Senatorio, l’attuale sede di rappresentanza di Roma Capitale. Del tutto gratuitamente e con una visita guidata davvero interessante. E così domenica scorsa ne abbiamo approfittato e abbiamo visitato questo luogo tanto importante per la nostra città.

La visita guidata

Pur vivendo a Roma da sempre, onestamente non ci era mai venuto in mente che si potesse visitare Palazzo Senatorio. Siamo stati sul Campidoglio tante volte, ammirando la meravigliosa piazza progettata da Michelangelo, affacciandoci sul Foro Romano o anche per visitare i musei Capitolini. Ma di informarci per visitare Palazzo Senatorio non ci era mai venuto in mente. Invece, quasi per caso, abbiamo scoperto che la prima domenica di ogni mese è possibile approfittare delle visite gratuite organizzate dall’Amministrazione.

Palazzo Senatorio

Info pratiche

Come indicato sul sito del comune, le visite si svolgono dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00, con un ingresso ogni 30 minuti di un gruppo di massimo 30 persone. Avendo paura di trovare molte persone in coda, abbiamo cercato di non arrivare troppo tardi ed abbiamo fatto bene. Verso le dieci e un quarto eravamo davanti l’ingresso e c’era già un po’ di fila, tanto che intorno alle 11,00 hanno fermato la coda per evitare che le persone aspettassero inutilmente per poi rimanere fuori e dover attendere le 15,00.

Noi siamo entrati verso le 11,30, quindi non ci è andata troppo male. E comunque l’attesa è valsa la pena, perchè la visita si è poi rivelata davvero interessante e ben organizzata. Il che ad essere onesti ci ha anche un po’ stupiti, ma forse siamo noi che partiamo troppo prevenuti.

Il percorso

Il percorso all’interno del Palazzo Senatorio ne ripercorre la storia e permette quindi di fare un vero e proprio viaggio nella storia di Roma e di un luogo che in forme e modi diversi è stato sempre importantissimo.

Si parte dall’ingresso di Sisto IV ed il giro prevede poi la visita della Sala del Carroccio, della Galleria Sisto IV, del Tempio di Veiove, dello scalone, dell’anticamera e dello studio della Sindaca, del Salotto dell’Orologio, della Sala dell’Arazzo, della Sala delle Bandiere, dell’Aula di Giulio Cesare, della Piccola Protomoteca e della Protomoteca. Si esce alla fine dal lato opposto a quello in cui si è entrati, attraverso il Portico del Vignola.

Palazzo Senatorio

Indietro nel tempo

Il Palazzo Senatorio è in realtà costruito sopra le rovine di due edifici di età romana, cioè il Tempio di Veiove ed il Tabularium. Quest’ultimo era particolarmente importante, perchè collegava le due alture del colle Capitolino e soprattutto era la sede dell’archivio pubblico romano.

Ma del Tabularium, all’interno di Palazzo Senatorio, si vede poco. Quello che invece è interessantissimo e davvero bello da vedere è il Tempio di Veiove. È stato realizzato un percorso su una passerella di metallo che permette di osservare dall’altro le rovine del tempio, di cui si distingue chiaramente la pianta. Entrare in un edificio “moderno” e vedere nascosto al suo interno un luogo così antico è stata davvero una sorpresa bellissima.

Lo studio del Sindaco

Siamo poi stati portati ai piani superiodi, dove abbiamo visto il Salotto dell’Orologio, una sala di rappresentanza che precede lo Studio del Sindaco e che prende il nome da un prezioso orologio notturno del Seicento. “Notturno” perchè era possibile mettervi all’interno una candela accesa per poter leggere le ore anche di notte!

Palazzo Senatorio - Orologio notturno

Da lì siamo entrati nello Studio del Sindaco, o meglio al momento della Sindaca. Lì, fra le varie opere d’arte, c’è una statua di epoca romana in marmo bianco. L’angolo in cui si trova la scrivania della Sindaca è invece tutto decorato con disegni, probabilmente del figlio, appesi su una lavagna bianca. Ed è parecchio disordinato.

Purtroppo, non ci hanno fatti affacciare dal famoso balconcino. Peccato.

Le altre sale

Ci hanno poi mostrato alcune sale usate dalla Sindaca per importanti riunioni o per ricevere ospiti, oltre naturalmente all’Aula Consiliare in cui si riunisce l’Assemblea Capitolina con la Giunta. Questa sala è famosa con il nome di Aula di Giulio Cesare per via della grande statua posta alle spalle dei banchi della Giunta, ma particolarmente bello è anche il mosaico che ne decora il pavimento e che risale al II secolo d.C..

Palazzo Senatorio - Aula Giulio Cesare

L’ultima sala visitata è invece la Sala della Protomoteca, così chiamata perchè contiene una grande raccolta di busti di personaggi illustri. Molti di questi busti furono realizzati o voluti da Canova e per questo nella sala c’è anche un monumento in suo onore. L’artista è ritratto giacente e sul basamento del monumento sono raffigurate tre figure femminili: sono Pittura, Scultura ed Architettura. Veramente bellissimo.

Palazzo Senatorio - monumento a Canova

Non ce lo saremmo mai aspettato, ma questa visita di Palazzo Senatorio è stata davvero bella ed interessante. Una volta usciti da lì poi è possibile visitare anche i musei Capitolini, anche quelli assolutamente meravigliosi. Insomma, sul Campidoglio ci si potrebbe passare una giornata intera senza annoiarsi minimamente!

Precedente Giornate del Patrimonio: gli scavi di Ostia Antica Successivo Sagra della Patata a Leonessa

Lascia un commento

*